Nothing to fear

Anno 2036. Sono passati 10 anni dal grande scioglimento dei ghiacci. Tutte le strade che mi erano familiari ora non esistono più. Sono sommersi dalle acque. Anche la casa dove vivevo da bambino. Tutti i ricordi che avevo, il panorama che riuscivo a vedere dalla mia finestra, l’odore della colazione la mattina presto, il vociare dei bambini miei coetanei, le feste, le canzoni che cantavamo a squarciagola…
Tutto questo oramai è sepolto da una lunga coltre d’acqua.
Siamo riusciti a salvare ben poco. Qualche vinile sparso, eredità dei miei genitori, le fotografie istantanee di eventi che non torneranno mai più, qualche vestito di fortuna. Il resto è rimasto li.
Ogni tanto faccio immersioni e vado a far visita alla mia vecchia casa. So che è pericolo, so che non dovrei farlo ma è più forte di me. Un richiamo d’infanzia a cui non posso resistere.
Ed è li che voglio tornare quando i miei giorni saranno finiti.
Quando accadrà sarà esattamente come me lo ricordavo.

Precedente Who am I? A Peter Bishop story Successivo Dieci diritti dei lettori.

Un commento su “Nothing to fear

Lascia un commento

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.