Equilibrio artificiale

Come potete vedere ieri sera ho finito questo film. Racconta di un mondo dove, dopo una terza e catastrofica guerra mondiale, la panacea per tutti i mali umani è stata trovata nella somministrazione obbligata di un farmaco che annulla la possibilità di provare emozioni. Niente emozioni: niente rabbia, conflitti, gelosie, invidie; ma anche niente gioia, amore, allegria, felicità. Niente vita. Chi si sottrae alla somministrazione, chi è sorpreso a guardare o custodire un quadro, un disco, un libro, viene arrestato ed ucciso. Con questa base così profonda, e ricca di spunti di riflessione, il film poteva essere un vero capolavoro. Purtroppo un’eccesso di lotte stile Matrix l’hanno reso una buona opera e niente di più. I riferimenti letterari di questo film sono chiari: 1984 di Orwell e Fahreneit 451 di Bradbury. Guardando questo film mi sono lasciata andare ad una riflessione: ognuno di noi sarebbe colpevole per una società di quel tipo. L’emozione è qualcosa che ci permette di conoscere la realtà e di esperirla in maniera molto particolare. E noi che leggiamo libri, ascoltiamo musica, vediamo film, amiamo in tutte le forme possibili e immaginabili… tutti noi saremmo colpevoli. Mi rendo conto che è un film e che presenta un caso paradossale. Però mi ha portato a chiedere come mai non riusciamo a fronteggiare i nostri sentimenti, a gestirli con sapienza, parlo anche di quelli negativi.

Perchè dobbiamo stare a farci la guerra, perchè si odia, perchè il rancore e tutti quegli aspetti deleteri che non fanno altro che distruggere per primo noi stessi? Temo che una risposta a questo non l’avro mai.

Precedente Equilibrio artificiale Successivo Per puro caso

Un commento su “Equilibrio artificiale

  1. Riflessione molto interessante cara socia. In effetti credo che il rancore faccia più male a noi stesse.
    E’ strano leggere tue cose del periodo di prima che ci incontrassimo.

Lascia un commento

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.