Thank you

Devo ringraziare pubblicamente LauraGds. Sto cercando in tutti i modi e le maniere di non farvi arrivare il periodo che sto vivendo a volte sforzandomi di trovare degli argomenti per la casa. Laura ha fatto un post sfuriata contro i blog depressogeni, con tanto di soluzione, e aveva perfettamente ragione. Ho attuato una divisione che è utile anche se difficile, e mi sta portando non pochi problemi. E poi mi aggrappo alle poche cose capaci di strapparmi un sorriso. E la vignetta di cui sopra fa parte di una serie di blog di disegnatori che sto leggendo e mi fanno ridere. Beh ieri sono capitata nel blog di "due cuori e una gatta" e ho riso di cuore. E mi ci voleva visto i giorni infernali in cui mi trovo. Grazie mille Laura per avermeli fatti conoscere e grazie mille per la tua sfuriata. Troppo spesso mi dimentico del potere delle parole. Nel bene e nel male…
Precedente Thank you Successivo Food? I don't think so.

3 commenti su “Thank you

  1. Io sto aspettando che ti decida tu a scrivere qualcosa. Se non lo facciamo io, tu o ramaya o pochi altri, che il disco lo ammiamo particolarmente, chi può farlo? Comunque se ti riferisci a Rosetta Stoned come dicevi l'altra volta non penso di cambiare idea. Piuttosto ho dei dubbi sulla storia del dividere, quello che ho scritto mi è venuto di getto mentre deliravo.Non lo stanno glorificando, quello, e non hanno distrutto del tutto Year Zero, è una questione di aspettative. Da ambo le parti le reazioni secondo me sono simili: due dischi strani e da analizzare per bene da due gruppi attesissimi, qualcuno ci rinuncia subito, altri vanno a fondo. Se Year Zero ad alcuni non è piaciuto lo capisco anche se sono di parte. Dei Queens ancora non parlo, come anche dei brani nuovi degli Smashing Pumpkins, e ne ho sentiti un bel pò.

Lascia un commento

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.