Some say the end is near.
Some say we’ll see armageddon soon. I certainly hope we will.

(Qualcuno dice che la fine è vicina, qualcuno dice che vedremo presto il giorno del giudizio. Certamente spero che sia così..)

Ci sono dei momenti in cui non riesco ad essere pietosa con gli esseri umani, ci sono delle volte in cui mi auguro che arrivi ben presto una catastrofe planetaria che cancelli presto dalla faccia della Terra questo grande virus che siamo noi umani. Succede spesso quando vedo cose che non riesco a concepire, cose che mi mandano in bestia. Mi succede quando vedo dei giornalisti che fanno gli sciacalli e cercano di far passare per anime innocenti dei perfetti assassini. Usare parole quanto meno opportune per certe persone, per determinati eventi, sbattere il dolore in faccia a chi legge o chi guarda. Qual’è lo scopo di tutto questo? Soddisfare l’appetito di qualche morboso malsano componente del’umanità? Qualcuno tirerà fuori il solito e abusato principio "la gente deve sapere". Ma non c’è un modo per fare informazione senza per forza essere degli scaicalli e dei macellai? (Con tutto il rispetto per animale e appartenente alla categoria..) C’è bisogno di mostrare tutto quel sangue fisico, verbale e mentale? Alla fine ha ragione Maynard, siamo come vampiri? Sono veramente stanca di tutto questo, verrebbe voglia di fare come gli asceti: isolarsi da tutto e da tutti. Ma temo che neanche questa sia la vera soluzione…

Precedente Successivo

7 commenti su “

  1. anonimo il said:

    Dalle mie parti non si augura nulla perchè è una questione di tempo.

    Tutti percorrono la stessa strada e quello che diciamo non sono altro che saluti e richieste di indicazioni.

    Grazie comunque e ti saluto.

    ANGELO.

  2. krishel il said:

    La mia risposta è si. Per lo meno nel mio mondo esistono una Dea e un Dio tutti e due alla pari, energie diverse ma complementari in fusione armonica senza che uno voglia prevaricare l’uno con l’altro. Ma temo che questo tu non lo possa capire. E chi ti dice che io non riesca a sentire attraverso la musica? Chi ti dice che la mia disperazione, il mio malumore non siano altro che lo specchio di una sensibilità affinata dal troppo sentire, stanca di vedere che le persone non sentono, non capiscono, non riescono ad arrivare all’essenza degli altri? Mi sto chiedendo perchè faccio lo sforzo di risponderti visto che siamo entrambi arroccati nelle nostre posizioni, tu alla ricerca solo di un Dio padre e io invece dell’armonia, come è da sempre per quelli nati nel mio stesso periodo. Sono stanca e la stanchezza mi gioca brutti scherzi ma mi riprendo non ti preoccupare. E poi è un principio di natura: quello che sale prima o poi deve scendere e viceversa. Tra di noi si dice una bella frase: buon cammino. Ed è quello che auguro a te.

  3. anonimo il said:

    Anche la tua vita è fatta di alti e bassi, come la musica che ascolti e tutto quello che ti circonda, ma continui ad essere sempre la stessa, sia prima che dopo le tue ernie. Stazionaria! Ferma! Senza vibrazione, anche se ti sembra di alterarti.

    Dovresti sapere che si usa candeggiare per eliminare le macchie. L’obiettivo è rendere quel vestito bianco splendente anche se spesso ci sono macchie che non temono alcuna candeggina. Peccato! In poche parole resta solo disfarsene di quel vestito. Ma quel vestito gettato nel cassonetto qualche volta viene indossato da un poveraccio che, nonostante tutto, lo vede utile e adatto al suo compito.

    Addosso a lui, che è spesso nero di carnagione o sporco, quel vestito prenderà il giusto splendore che aveva perso su di te, per la tua pelle bianca debole ai raggi del sole.

    Io non voglio parlare del Dio Cristiano e nemmeno di una dea vestita di vesti secche e sterili.

    Io voglio sapere cosa dobbiamo fare di quel vestito.

    Lo vuoi indossare ancora tu o è meglio donarlo a chi apprezzerà questo dono?

    Dimenticavo! Se il tuo vestito verrà dato giustamente a qualche poveraccio, rendendolo “giusto” di indossarlo, non pensare di riuscire ad ascoltarlo, perché un’otite sarà inevitabile, a causa del freddo che prenderai. Chi ha orecchi intenda.

    Il mondo non è governato da pazzi, ma da sordi, che smacchiano e rismacchiano, non comprendendo che non è il vestito macchiato ma la loro anima.

    Ma voglio essere ancora più provocante perché quella macchia voglio estirparla a costo di stracciare quel vestito. A questo punto, visto il risultato che hanno causato agli ultimi di questo mondo, è giusto che questi farabutti continuino a non riuscire a smacchiare le loro vesti per assicurare abiti di salvezza per quegli ultimi che man mano stanno entrando in un luogo che, di sicuro di questo passo, non vedrai. Ma di sicuro la tua anima sarà salvata per essere stata subito riciclata.

    Sembrerà strano, ma io ti rimprovero perché ti voglio bene!

    Tuo ANGELO (non ti dico di seguire il Dio Cristiano, ma sei certa di stare sulla strada giusta? Il senso di tutto questo devi cercare, nel modo più consono che vorrai intraprendere. Ed abbassa quella musica che distoglie dal silenzio che non hai imparato ad ascoltare).

  4. Wehrwolf80 il said:

    Anche io oscillo spesso come un pendolo fra i due pensieri…come si fa ad essere pietosi ed a sentirsi parte di questa umanità del resto…so solo che anche se è brutto dirlo che ogni giorno che passa mi attacco sempre di più alla rabbia ed al disprezzo per andare avanti, altrimenti l’unica soluzione sarebbe come hai giustamente detto tu quella dell’ascetismo…un bacio:)

  5. krishel il said:

    Fulca non mi annoi. Le cose che hai citato sono tra quelle che mi mandano in bestia. Perchè io vedo le cose che non vanno in grande ma le vedo anche in piccolo. E nessuno di noi è immune dai difetti ma ci sono giorni in cui non li sopporto proprio.

    Per Angelo: Come và il tuo male di schiena?

    ***** Al solito, alti e bassi.

    Di sicuro stai meglio per sentirti non pietosa verso gli umani.

    ***** Uhm non c’entra proprio nulla. Mi sentivo così ancora prima che avessi le ernie.

    O stai così male che vorresti portare tutto il mondo nel tuo dolore? *** Nah. Hai sbagliato candeggio.

    Ora dubiti della giustizia di Dio?

    ******* Se è il dio cristiano neanche ne voglio parlare. Non mi interessa una divinità con quei connotati.

    Sei sicura che nel mondo non ci sono dieci giusti, compresa te e forse anche me (diamoceli per scontati – ai saldi)?

    ***** Può darsi che esistano ma la loro voce non si sente. E il mondo continua a essere governato da pazzi.

  6. Fulca il said:

    Krishel, andiamo a cercare cose disumane in esempi che forse possono essere lontani dal quotidiano, che non ci toccano personalmente. Cose disumane si compiono anche nelle nostre giornate, nella vita di tutti i giorni: rifiutare l’elemosina, per scarna che sia, a una vecchia tremante all’angolo della strada, infischiarsene di una persona in difficoltà, rispondere in malomodo, odiare, fare del male all’altro, anche non compiere il nostro dovere, quale che sia: studiare, andare al lavoro ecc.

    Diceva Sant’Agostino: “Noli foras ire, in te ispum redi…” cioè, non andare fuori da te, ritorna verso te stesso. Cerchiamo la pagliuzza negli altri, quando noi abbiamo una trave. Se ognuno si concentrasse su se stesso e sui suoi atti e sugli altri, che mondo! Ma tutto parte dal singolo. Ma magari ti sto annoiando, e sono cose che già sai di sicuro; meglio che finisco qui. Ciao.

  7. anonimo il said:

    Seguivo un’anima sconfortata e mi sono ritrovato in un blog che già conoscevo.

    Come và il tuo male di schiena? Di sicuro stai meglio per sentirti non pietosa verso gli umani.

    O stai così male che vorresti portare tutto il mondo nel tuo dolore?

    Non so che dirti ma posso aiutarti a riflettere sull’imminenza del Giudizio Finale.

    Allora il Signore rispose: “Il grido è troppo grande e il loro peccato è molto grave. Voglio scendere a vedere se proprio hanno fatto tutto il male di cui è giunto il grido fino a me; lo voglio sapere!”.

    Mandò tre angeli per vedere se quello che supplicavano risultava vero, mentre Lui rimase a sentire chi, da tempo isolato contemplava il Tutto, non immaginando quello che stava per accadere.

    Questi asceti allora gli dissero: “Davvero sterminerai il giusto con l’empio? Forse vi sono cinquanta giusti in questo mondo: davvero li vuoi sopprimere tutti? E non perdonerai a quel luogo per riguardo ai cinquanta giusti che vi si trovano? Lungi da te il far morire il giusto con l’empio, così che il giusto sia trattato come l’empio; lungi da te! Forse il giudice di tutta la terra non praticherà la giustizia?”.

    Rispose il Signore: “Se troverò cinquanta giusti, per riguardo di loro non faro quello che sto per fare”. Queste anime di buona volontà che fanno quello che Signore vuole dissero: “Vedi come ardiamo nel parlare al nostro Signore, noi che siamo polvere e cenere… Forse ai cinquanta

    giusti ne mancheranno cinque; per questi cinque distruggerai tutti quanti”. Rispose: “Non distruggerò, se ve ne trovo quarantacinque”. Allora ripresero ancora a parlargli e dissero: “Forse là se ne troveranno quaranta”. Rispose: “Non lo farò, per riguardo a quei quaranta”. Riprese: “Non si adiri il nostro Signore, se parliamo ancora: forse là se ne troveranno trenta”. Rispose: “Non lo farò, se ve ne troverò trenta”. Ripresero: “Vedi come ardiamo parlare al mio Signore! Forse là se ne troveranno venti”. Rispose: “Non distruggerò per riguardo a quei venti”. Riprese: “Non si adiri il nostro Signore, se parliamo ancora una volta sola; forse là se ne troveranno dieci”. Rispose: “Non distruggerò per riguardo a quei dieci”. Poi il Signore, come ebbe finito di parlare, se ne andò e gli asceti tornarono a contemplare il tutto che è Dio.

    Ora dubiti della giustizia di Dio? Sei sicura che nel mondo non ci sono dieci giusti, compresa te e forse anche me (diamoceli per scontati – ai saldi)?

    La misericordia di Dio perdona chi non sa il senso di tutto quello che accade. Non occorre essere asceti, ma basta essere consapevoli cosa il Signore fa in ognuno di noi, gli altri lasciali perdere.

    Ognuno conosce il proprio dolore che sia nella carne o nello Spirito.

    Ringrazia quei “doloretti” nella carne che fortificano il tuo Spirito.

    Tuo ANGELO. ([email protected])

Lascia un commento

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.