La figlia perfetta

"Baltimora, 15 agosto 1997. Brad e Bitsy Donaldson, una coppia molto americana, e Sami e Ziba Yazdan, marito e moglie iraniano- americani, si trovano all’aeroporto. Il momento è carico di emozioni e di aspettative, perché le due coppie, con i parenti al seguito, stanno aspettando il volo dalla Corea per prendere in consegna le loro bambine appena adottate. Contro ogni previsione, tra due famiglie piuttosto diverse nasce una lunga amicizia. Il 15 agosto, anniversario del giorno dell’arrivo, i politicamente corretti Donaldson organizzano una festa; all’inizio sembra un pretesto per favorire l’integrazione delle figlie, ma presto diventa evidente che le bambine non sono le sole ad avere bisogno di sentirsi a casa. La festa viene riproposta anno dopo anno, sempre più elaborata, completa di dolce decorato a stelle e strisce, sontuosi piatti iraniani, canzoni e proiezione di filmini. Con le sue perplessità e la sua cauta moderazione, anche Maryam, l’altera nonna iraniana Yazdan, vi partecipa. E quando un coetaneo del clan Donaldson la corteggia, lei vede minacciati tutti i suoi valori, le sue tradizioni, la sua indipendenza…"(da liber on web). Questo libro l’ho finito stamattina mentre prendevo il caffè. Molto spesso capita di affezionarmi a dei personaggi che incontro neli libri che leggo. Questa volta mi sono affezionata a Maryam. Dagli altri viene vista come una persona altera, burbera, rigida nei modi di fare e di concepire la vita e le tradizioni. In realtà invece è una donna talmente spaventata che si aggrappa a quei pochi aspetti della sua vita che le assicurano una solida base, le danno certezze. E paradossalmente viene compresa di più non da coloro che condividono con lei l’origine ma dalla famiglia americana, da quella diversa, per tradizioni e cultura, da Maryam. E’ una storia tipicamente femminile, un confronto continuo tra diversi tipi di femminilità. E il finale, che non vi rivelo per non rovinare il piacere della lettura, mi ha a dir poco toccato e comosso. "Anne Tyler non è soltanto brava, è straordinariamente brava!" John Updike. John non sai quanto sono d’accordo con te…
Precedente Oh si Successivo Confronto

4 thoughts on “La figlia perfetta

  1. krishel il said:

    E non lo sapevo. Ho citato una sua frase messa in copertina. Bene penso che a questo punto leggerò qualcosa di suo.

Lascia un commento

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.